Dipendenza da zuccheri e junk food: come liberarsene? Con leggi a tutela del consumatore, come con il tabacco.

Quante volte lo abbiamo sentito dire? Ma quanta attenzione abbiamo dato veramente a quest’informazione? Il cibo spazzatura e gli zuccheri raffinati fanno male! “Grazie tante!”, direte voi… Eppure continuiamo tutti ad ignorare il problema. Continuano a susseguirsi studi sempre più apocalittici sulle conseguenze catastrofiche che taluni alimenti hanno sulla nostra salute ma sia noi, singoli individui, sia le istituzioni non facciamo niente per tutelarci. Centinaia di pubblicità e di film ci invogliano a mangiare ciò che fa male, nelle nostre scuole dilagano distributori di junk food per poter incassare un po’ di soldi a scapito della salute dei nostri ragazzi (ai quali, senza coerenza, si insegna a scuola l’alimentazione sana e la dieta mediterranea), bar e fast food della peggior categoria aprono ovunque, davanti alle casse dei supermercati ogni genere di schifezza fa bella mostra di sé, invogliando chi è in coda a mettere nel carrello cose di cui non ha alcuna necessità. L’unico fast food che potrebbe essere una valida alternativa contro le schifezze è Pret a Manger, catena britannica che snobba il mercato italiano ma che offre un’infinità di pietanze ricche di frutta e verdura davvero gustosissime. Anche i succhi di frutta per bambini, spacciati come fonte di vitamine e quindi apparentemente sani, sono un pericoloso concentrato di zuccheri, e altrettanto pericolose sono le bibite senza zucchero che contengono sostanze pericolose per l’organismo:

https://dilei-it.cdn.ampproject.org/v/s/dilei.it/mamma/succhi-di-frutta-bambini-troppi-zuccheri/493444/amp/?amp_js_v=a2&_gsa=1&usqp=mq331AQCCAE%3D#aoh=15497166004810&_ct=1549716604574&referrer=https%3A%2F%2Fwww.google.com&_tf=Da%20%251%24s&ampshare=https%3A%2F%2Fdilei.it%2Fmamma%2Fsucchi-di-frutta-bambini-troppi-zuccheri%2F493444%2F

https://www-repubblica-it.cdn.ampproject.org/v/s/www.repubblica.it/salute/alimentazione/2017/06/10/news/bambini_succhi_di_frutta_salute-166735685/amp/?amp_js_v=a2&_gsa=1&usqp=mq331AQCCAE%3D#referrer=https%3A%2F%2Fwww.google.com&_tf=Da%20%251%24s&ampshare=https%3A%2F%2Fwww.repubblica.it%2Fsalute%2Falimentazione%2F2017%2F06%2F10%2Fnews%2Fbambini_succhi_di_frutta_salute-166735685%2Famp%2F%23referrer%3Dhttps%253A%252F%252Fwww.google.com%26amp_tf%3DDa%2520%25251%2524s

https://www.iobenessere.it/bibite-light/

https://www.dissapore.com/alimentazione/le-bevande-zero-calorie-fanno-ingrassare/

Non esistono, in Italia come nella maggior parte dei Paesi europei, leggi che regolamentino il fenomeno in modo serio. Si potrebbe limitare, ad esempio, la pubblicità di questi prodotti solo al di fuori delle fasce orarie protette, vietarne l’esposizione davanti alle casse dei supermercati, vietarne la pubblicità ingannevole, in cui si spacciano per sani prodotti ricchi di zuccheri, conservanti, coloranti, OGM, grassi nocivi e chi più ne ha più ne metta. In alcune Nazioni il problema è già stato efficacemente affrontato, come si può leggere ai link sottostanti:

https://www-repubblica-it.cdn.ampproject.org/v/s/www.repubblica.it/economia/diritti-e-consumi/diritti-consumatori/2018/10/30/news/cibo_spazzatura_e_marketing_per_bambini_l_oms_bacchetta_anche_l_italia-210296511/amp/?amp_js_v=a2&amp_gsa=1&usqp=mq331AQCCAE%3D#aoh=15497004721916&csi=1&referrer=https%3A%2F%2Fwww.google.com&amp_tf=Da%20%251%24s

https://tg24-sky-it.cdn.ampproject.org/v/s/tg24.sky.it/salute-e-benessere/2017/07/26/junk-food-tabacco-nuove-regole.amp.html?amp_js_v=a2&_gsa=1&usqp=mq331AQCCAE%3D#referrer=https%3A%2F%2Fwww.google.com&_tf=Da%20%251%24s&ampshare=https%3A%2F%2Ftg24.sky.it%2Fsalute-e-benessere%2F2017%2F07%2F26%2Fjunk-food-tabacco-nuove-regole.html

Ma cos’è la dipendenza da cibo-spazzatura e, soprattutto, da zuccheri? Esiste davvero oppure è l’ennesima invenzione mediatica? Ahimè, purtroppo esiste davvero ed è molto più pericolosa per la nostra salute di quanto si pensi. Studi e ricerche hanno dimostrato come questo tipo di dipendenza non sia differente da quella per le droghe come la cocaina, come si vada incontro a crisi di astinenza quando si tenta di rinunciarvi (motivo per cui è così difficile), e quanto sia facile ricadervi di continuo, anche grazie alla pubblicità bombardante che subiamo quotidianamente. E se reintegriamo gli zuccheri raffinati nella nostra alimentazione dopo un periodo di disintossicazione, tendiamo ad aumentarne la quantità, ingrassando più di quanto eravamo dimagrita, generando tra l’altro un circolo vizioso.

Nei vari studi, però, si pontifica su come sia, tutto sommato, facile mangiare bene, dando consigli che fondamentalmente implicano due cose che chi mangia male non ha più: calma e, soprattutto, tempo da dedicare a sé stesso (palestra, spesa che comprende pesce, frutta e verdura fresche, fino a consigliare lunghe passeggiate rilassanti e disintossicanti, magari dove l’aria è buona…)

Tutti questi studi hanno, inoltre, rilevato la stretta correlazione tra la massiccia assunzione di cibo spazzatura, zuccheri e malattie quali l’Alzheimer, il cancro, disordini del sistema metabolico, diabete di tipo 2, malattie cardiovascolari, fragilità ossea ed osteoporosi. Tutte, ovviamente, con insorgenza precoce. Senza contare i problemi immediati, tra i quali cefalee e disturbi del sonno.

Erroneamente pensiamo, come ogni tossico che si rispetti, che noi siamo immuni dall’esagerare con queste schifezze, che non ne mangiamo così tante da poterci sentire coinvolti in prima persona, che il problema riguarda altri e, soprattutto, che con un po’ di moto e una dieta, POSSIAMO SMETTERE QUANDO VOGLIAMO!!! 🤐

https://news.fidelityhouse.eu/salute/ecco-perche-il-cibo-spazzatura-crea-dipendenza-173655.html

http://www.discorsivo.it/magazine/2018/11/23/dipendenza-da-cibo-spazzatura/

Per dimagrire è meglio eliminare carboidrati o i grassi? L’esperimento dei due gemelli

https://www-ohga-it.cdn.ampproject.org/v/s/www.ohga.it/il-cibo-spazzatura-crea-dipendenza-causando-anche-vere-e-proprie-crisi-di-astinenza/amp/?amp_js_v=a2&amp_gsa=1&usqp=mq331AQCCAE%3D#aoh=15496951997271&csi=1&referrer=https%3A%2F%2Fwww.google.com&amp_tf=Da%20%251%24s&ampshare=https%3A%2F%2Fwww.ohga.it%2Fil-cibo-spazzatura-crea-dipendenza-causando-anche-vere-e-proprie-crisi-di-astinenza%2F

https://www-wired-it.cdn.ampproject.org/v/s/www.wired.it/amp/188394/scienza/medicina/2017/09/04/zucchero-dipendenza-cocaina/?amp_js_v=a2&amp_gsa=1&usqp=mq331AQCCAE%3D#referrer=https%3A%2F%2Fwww.google.com&amp_tf=Da%20%251%24s&ampshare=https%3A%2F%2Fwww.wired.it%2Fscienza%2Fmedicina%2F2017%2F09%2F04%2Fzucchero-dipendenza-cocaina%2F

https://www.wellme.it/dieta-e-alimentazione/nutrirsi-sano/2548-disintossicarsi-zucchero-droga

https://www.linkiesta.it/it/article/2017/10/11/lo-zucchero-quando-e-raffinato-funziona-come-una-droga/35789/

https://www-starbene-it.cdn.ampproject.org/v/s/www.starbene.it/alimentazione/mangiare-sano-alimentazione/zuccheri-il-programma-per-sconfiggere-la-dipendenza/?amp_js_v=a2&amp_gsa=1&amp=true&usqp=mq331AQCCAE%3D#referrer=https%3A%2F%2Fwww.google.com&amp_tf=Da%20%251%24s&ampshare=https%3A%2F%2Fwww.starbene.it%2Falimentazione%2Fmangiare-sano-alimentazione%2Fzuccheri-il-programma-per-sconfiggere-la-dipendenza%2F

https://www-repubblica-it.cdn.ampproject.org/v/s/www.repubblica.it/economia/diritti-e-consumi/diritti-consumatori/2018/10/30/news/cibo_spazzatura_e_marketing_per_bambini_l_oms_bacchetta_anche_l_italia-210296511/amp/?amp_js_v=a2&amp_gsa=1&usqp=mq331AQCCAE%3D#aoh=15497004721916&csi=1&referrer=https%3A%2F%2Fwww.google.com&amp_tf=Da%20%251%24s

La classe non è acqua: è Fluida!

Finalmente ho un attimo di tempo per scrivere due parole sul successo di una splendida persona. Si tratta della mia “concognata”, neologismo scherzoso con cui da anni la chiamo (in analogia col termine “consuocero”: nel nostro caso, a genero/nuora si sostituiscono cognato/cognata. Per farla breve, mio fratello è il marito di sua sorella).

Forse potrò sembrare un po’ di parte e, forse, lo sono davvero. Ma sono veramente convinta che il giusto e meritato riconoscimento, prima o poi, arrivi per tutti. E adesso è il suo turno! Questa splendida donna, Gilda Pantuliano (in arte Fluida), le cui capacità spesso non sono state oggetto dell’apprezzamento che meritavano, ha avuto sempre una spiccata sensibilità nei confronti dell’arte. Un po’ per passione e un po’ per diletto, ama fare scatti fotografici che poi rielabora al computer. Senza aspettarsi grandi risultati, con l’umiltà che la caratterizza, spronata anche dal marito, ha deciso di iscriversi ad un concorso internazionale di fotografia. E quale non è stata la sua sorpresa quando lo ha vinto, quando ha scoperto che la critica ha apprezzato moltissimo le sue opere! Le immagini che la stanno rendendo nota stanno già varcando i confini nazionali, per essere esposte prima ad Amburgo e poi a Madrid.

Ma le mie parole non rendono onore a tutto il lavoro reale e di introspezione che si cela dietro ai capolavori di Fluida. Chi volesse comprendere meglio le opere di quest’artista, può leggere l’intervista che le ha fatto Mariano Del Preite (ANSA):

http://www.ansa.it/campania/notizie/2019/01/30/arte-fluida-per-raccontare-i-sogni-e-linconscio_0ed1d93f-7528-442c-acce-618120e3e6a8.html